Resoconto finale dell’Assemblea generale AMI 2017

This post is also available in: English Nederlands Italiano Deutsch Français Español

Roma, Italia, 17-21 settembre 2017 

Tema: “Alla ricerca delle radici” 

Troviamo i “Dieci Comandamenti”, linee guida per i soldati, che lavorano per la pace in patria o in missione all’estero, ricercando le radici del nostro credo e della nostra fede.  

Su invito del Vescovo Santo Marciano, Ordinario Militare per l’Italia, i delegati dell’AMI di 4 continenti si sono riuniti dal 17 al 21 settembre 2017 per discutere insieme “Alla ricerca delle nostre radici”: trovare il nucleo centrale o un nuovo “10 comandamenti” che tutti i militari cattolici, giovani e meno giovani, potrebbero utilizzare per mettere a fuoco la loro vita in mezzo a qualsiasi attività militare.  

A causa della posizione a Roma, oltre ad esperti accademici e militari, abbiamo avuto l’occasione di ascoltare un discorso di Mons. Tomasi, che ha sottolineato che il diritto internazionale è essenziale per l’interazione umana e che tale diritto ha veramente bisogno di una base morale. Il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, ha spiegato come la Chiesa vede veramente l’esercito non solo come protettore della società, ma come parte integrante della cultura contemporanea, sia nel suo ruolo di peacekeepers che nel rispondere alle emergenze. Come ha elaborato il Prof. Dr. Theo de Wit, nel contesto militare, questo significa perseguire il patriottismo (l’amore per la propria patria e il desiderio di condividerne i benefici) piuttosto che un nazionalismo che spesso può scendere nella violenza.  

Un secondo aspetto dell’essere ospitati a Roma è stata la capacità di impegnarsi in incontri diplomatici con alcuni addetti militari delle varie ambasciate, facilitati ancora una volta dall’Ordinariato Militare Italiano che ha fornito un eccellente concerto orchestrale e corale della loro organizzazione che ha riempito il Pantheon il martedì sera ed è stato trasmesso al di là di questi.  

Roma, Italia, 17-21 settembre 2017, 2017  

Antiche mura. Si trattava di una nuova importante iniziativa, che ha aperto nuove porte e ha permesso ai membri e ai delegati dell’AMI di interagire con gli altri dei loro paesi in quell’evento e di coordinare le attività future.  

Forse l’aspetto migliore dell’incontro a Roma è stato l’incontro di mercoledì mattina con Sua Santità, Papa Francesco, durante l’udienza generale. Non solo il nostro presidente e segretario generale è riuscito a presentargli le insegne dell’AMI, ma tutti i delegati hanno ricevuto la sua speciale benedizione – e riporterà grazia ed entusiasmo alle rispettive nazioni e unità militari.  

Oltre all’elezione del nuovo presidente Matthieu Borsboom, del nuovo segretario generale Col Domenico D’Órtenzi e del tesoriere SGT Damiano Pandolfo, le discussioni si sono incentrate sul rendere l’AMI più accessibile a tutti i gradi dell’esercito mondiale (possibilmente attraverso un’applicazione scaricabile gratuitamente su qualsiasi telefono cellulare, e le azioni in questo campo sono iniziate).
Abbiamo anche continuato a costruire sulle attività diplomatiche in questa conferenza per essere di maggior valore come ONG per il Vaticano o per qualsiasi gruppo che abbia bisogno di attingere all’esperienza di fedeli cattolici che servono in tutto il mondo in una varietà di nazioni e unità militari. Un prodotto finale della ricerca delle radici è stata l’elaborazione dell’acronimo AMI che, come i 10 comandamenti, può essere facilmente ricordato in ogni circostanza:  

A per amore, un amore per Dio sopra ogni cosa e un amore per il prossimo in ogni epoca e luogo (anche in una forza antagonista);  

M per il ministero militare, spesso con una guida tra pari ad ogni livello, e talvolta portando elementi sacri in luoghi altrimenti inaccessibili;  

I per informazione, compresa la condivisione del messaggio di Cristo con la parola e l’esempio, anche nelle peggiori circostanze e con ogni mezzo possibile.  

Quando i delegati e tutti i partecipanti torneranno a casa, vi porteranno l’inizio degli sforzi diplomatici, l’inizio di un’iniziativa App, la gloria delle meraviglie di Roma e le benedizioni dell’incontro papale alle loro nazioni, ai vescovi e al popolo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.